La fratellanza universale? Tutta roba massonica!

Per Bergoglio Gesù è venuto per la Fratellanza universale!

(Sottolineature e grassetti sono nostri)

In princípio erat Verbum – In principio era il Verbo:

«A quanti però l’hanno accolto,ha dato potere di diventare figli di Dio: a quelli che credono nel suo nome,i quali non da sangue, né da volere di carne,né da volere di uomo, ma da Dio sono stati generati» (Gv.1 12-13)

Di tutt’altro spessore e tenore è stato  il Messaggio “Urbi et Orbi” di papa Francesco (lo scorso 25 Dicembre 2018) che, per quanto dovremo oramai essere abituati a certi messaggi sociali, è bene rimanere indignati, perplessi e persino dispiaciuti. Perché qui non si tratta di antipatie o simpatie o di fare le “pulci” ad ogni frase che il Papa dice, ma di prendere atto che ciò che si sta predicando è – decisamente – un altro vangelo!

(…) Ma veniamo alla Benedizione Urbi et Orbi…. nella quale viene così confermata la modifica anche del Canto degli Angeli riportato niente meno che dal Beato evangelista Luca (2,14) Glória in excélsis Deo, et in terra pax homínibus bonae voluntátis; che nella versione italiana, da dopo il Vaticano II, recita: Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace in terra agli uomini che Egli ama…. Come possiamo ben comprendere cambia la dottrina!! Perché “gli uomini di buona volontà” sono coloro che, NELL’ASCOLTO DELLA PAROLA DI DIO, SI CONVERTONO, hanno la volontà di convertirsi come è appunto accaduto ai Pastori d’Israele, a quel piccolo “resto” che ascoltando il Coro degli Angeli, mossi DALLA BUONA VOLONTA’, andarono e credettero, o credettero e andarono ad adorare il Messia appena nato!

Ed intendiamoci bene, questo non è un appunto che facciamo solo a papa Francesco, ma a tutti i Pontefici che dal concilio hanno lasciato fare che certo frasario venisse modificato. La differenza sta nel fatto che, se non altro, i suoi Predecessori tendevano comunque sia a ribadire i contorni della Dottrina della CONVERSIONE degli uomini a Dio, al Dio “fatto carne”, mentre oggi il ribaltamento sembra essere completato attraverso un Papa che non predica più questa conversione ma… la FRATELLANZA UNIVERSALE, indipendentemente dallo stato in cui l’uomo si trova.

Ecco la domanda e la risposta che Bergoglio ha dato in questo Messaggio natalizio:

  • “E che cosa ci dice quel Bambino, nato per noi dalla Vergine Maria? Qual è il messaggio universale del Natale? Ci dice che Dio è Padre buono e noi siamo tutti fratelli…”

Papa Francesco se la canta e se la suona… ma il Canto degli Angeli ai Pastori non dice affatto questo!! La fratellanza che senza alcun dubbio Cristo porta con sé… è CONSEGUENZA DELLA RISPOSTA che daremo a questo Annuncio, ma non è l’Annuncio! La sintesi che Bergoglio ha fatto è LA NUOVA TEOLOGIA della “Fratellanza Universale” LA NUOVA RELIGIONE SINCRETISTA MONDIALISTA….

Lo dice il Vangelo, mica noi: In princípio erat Verbum – In principio era il Verbo: «A quanti però l’hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio: a quelli che credono nel suo nome, i quali non da sangue,né da volere di carne, né da volere di uomo,ma da Dio sono stati generati» (Gv.1 12-13)

La dinamica del Vangelo e cuore dell’Annuncio è questo: a quanti accoglieranno (uomini di buona volontà) Gesù il Messia e Salvatore (conversione) Egli offre il potere di diventare figli di Dio…. mediante appunto IL BATTESIMO… quando infatti Giovanni specifica che: “da Dio sono stati generati“…. sta dicendo RI-GENERATI MEDIANTE IL BATTESIMO, LA CONVERSIONE, L’ADESIONE A LUI, Gesù il “nuovo Adamo”… e invece Bergoglio accantona LA FIGLIOLANZA CHE SI ACQUISTA MEDIANTE LA CONVERSIONE E IL BATTESIMO, con una fratellanza universale… ecco le sue parole:

  • “Questa verità sta alla base della visione cristiana dell’umanità. Senza la fraternità che Gesù Cristo ci ha donato, i nostri sforzi per un mondo più giusto hanno il fiato corto, e anche i migliori progetti rischiano di diventare strutture senz’anima. Per questo il mio augurio di buon Natale è un augurio di fraternità…”

Avremo Sacerdoti abbastanza CORAGGIOSI da correggere il Papa ed affermare che queste parole da lui espresse non sono affatto LA VERITA’… e che in base al Vangelo stesso il Natale è LA NUOVA FIGLIOLANZA mediante la conversione-ADESIONE a Colui che con il Battesimo (con tutto ciò che ne consegue) ci rende VERI FIGLI DI DIO?

E ancora, afferma Bergoglio: Fraternità tra persone di diverse religioni. Gesù è venuto a rivelare il volto di Dio a tutti coloro che lo cercano….

NO! Non basta la “fratellanza” o il volemose bene… in quel “a coloro che lo cercano” ma: “.. a quelli che credono nel Suo nome…” specifica san Giovanni l’evangelista!

  • E ancora afferma Bergoglio: “Il Divino Bambino, Re della pace, faccia tacere le armi e sorgere un’alba nuova di fraternità in tutto il continente, benedicendo gli sforzi di quanti si adoperano per favorire percorsi di riconciliazione a livello politico e sociale. (..) Il Natale rinsaldi i vincoli fraterni…..

NO!! è un vero ribaltamento del Messaggio teologico e dottrinale del Natale di Gesù Cristo! Per far SORGERE UN’ALBA NUOVA DI FRATERNITA’ (espressione tipica della dottrina New-Age), ma quella vera, i vincoli necessari sono LA CONVERSIONE AL CRISTO, diventare FRATELLI IN CRISTO mediante il Battesimo e gli altri Sacramenti di cui l’Eucaristia, appunto, è segno dell’UNITA’….e vera fraternità. Non può esserci vera pace se questa non inizia con una conversione totale al Messia.

Non avremo MAI QUESTA pace perchè Gesù lo spiega bene: Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore…(Gv.14,27). Perché Gesù fa questa distinzione profonda tra LA SUA PACE e la pace che potrebbe darci il mondo, O LA PACE CHE CI OFFRE BERGOGLIO? Perché la pace del Cristo la si ottiene mediante la conversione e la conformazione ai suoi comandamenti ed alla Legge di Dio, diversamente non avremo alcuna pace, ma solo IDEOLOGIA, SOCIALITA’ INTERESSATA, UTOPIA.

Non possiamo, perciò, non sentirci in piena sintonia con il commento di certo Giovanni Servodio – leggi qui – e che facciamo nostro:

  • Com’è possibile che si possa essere fratelli nella diversità di cultura, idee e religioni? E’ impossibile, poiché si è fratelli solo quando si è figli dello stesso padre, e cioè quando si è figli della stessa famiglia in cui il padre ha infuso cultura, idee e religione. Questa spuria fraternità bergogliana, invece, non è la fraternità cristiana, ma la fraternità rivoluzionaria, inventata dalla Rivoluzione francese e portata avanti da ogni tipo di laicismo, fino alle deviazioni rivoluzionarie del Vaticano II. Non a caso lo stesso papa Bergoglio conclude la sua tiritera con la coerente affermazione: «tutti fratelli in umanità!», a conferma che non parla da cattolico, ma da acattolico, da laico, da rivoluzionario.

  • La sua novella fratellanza o fraternità non è quella portata da Gesù, ma quella inventata dai filosofi dell’Illuminismo, Rousseau, Voltaire e Montesquieu, fondata su una realtà inesistente che dovrebbe essere realizzata demolendo la realtà vera e cioè il diritto naturale insito nell’uomo per volontà di Dio e collimante con i suoi Comandamenti. Con tale espressione, Bergoglio dimostra di aver fatto propria la fraternità rivoluzionaria e di aver rigettato la fraternità cattolica: «siamo tutti fratelli in umanità!», non “fratelli in Cristo, in Dio”!”

Intendiamoci bene: nel caso specifico di Dio “Padre” è evidente e chiaro che siamo TUTTI “FIGLI” DELLO STESSO PADRE E CREATORE tuttavia è bene sottolineare ancora una volta che la figliolanza di cui parla il Vangelo e il Cristo stesso, non è la stessa cosa del sincretismo religioso o di quell’essere stati creati – ovviamente – dall’unico Dio che noi riconosciamo in qualità di PADRE mediante il Cristo…….. è l’adozione che si acquisisce mediante UN ATTO DI VOLONTA’ da parte nostra, che si chiama CONVERSIONE… Maria Santissima è certamente MADRE di tutta l’Umanità che Cristo è venuto a redimere, ma questa maternità nulla potrà fare per coloro che rifiuteranno questa ADOZIONE, è Gesù a dirlo in Marco 16,16.

E’ evidente perciò il ribaltamento con la nuova teologia attraverso la quale NON PIU’ FIGLI attraverso la conversione, ma FRATELLI mediante l’umanizzazione, l’umanità…  ribaltamento di quella vera DIVINIZZAZIONE che Cristo è venuto a portarci mediante la conversione che si esplicita NELLA CROCE… e poi la Risurrezione. Per Beroglio e la nuova teologia abbiamo così LA FAMIGLIA ALLARGATA… nella quale è evidente che si è fratelli “in umanità” anche dove non si avesse lo stesso padre o madre, ma magari adottati… in tal caso però si parla di fratellastri e sorellastre…. non è quella adozione di cui parlano i Vangeli e specificatamente san Paolo!

Per Bergoglio Gesù è venuto per la Fratellanza universale!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...